Amnistia e carcere, le ultime news: una violenta rissa è scoppiata nel carcere di Firenze

Amnistia e carcere, le ultime news: una violenta rissa è scoppiata nel carcere di Firenze

Una maxi rissa è scoppiata nei giorni scorsi nel carcere Sollicciano di Firenze. Qui circa quaranta detenuti di nazionalità albanese e magrebina hanno iniziato a litigare e ben presto sono passati alle mani. L’intervento della polizia penitenziaria è stato immediato, ma l’agente di sorveglianza che è prontamente intervenuto per sedare la rissa è stato aggredito. Portato subito in ospedale, all’agente è stata diagnosticata una lussazione della spalla. La rissa è stata sedata solamente dall’intervento di altri agenti di polizia, riusciti a far tornare i detenuti nelle proprie celle. Anche alcuni detenuti sono stati portati in ospedale.

Le ultime news dal mondo delle carceri ad oggi. Maxi rissa a Firenze, l’appello di Angelo Urso: “Servono uomini e donne, mezzi, strumenti di lavoro e fondi per rimettere in sicurezza un sistema in grave difficoltà”.

A dare la notizia della rissa avvenuta nel carcere fiorentino è Angelo Urso, il segretario generale della Uil Pa polizia penitenziaria. Urso non si sa spiegare come mai i detenuti siano stati affidati alla sorveglianza di un solo agente: “Ciò che lascia interdetti e il fatto che la fruizione del campo sportivo era una situazione di emergenza per surrogare all’impossibilità da parte dei detenuti di fruire dei passeggi per deficit strutturali e che questa emergenza è stata affidata alla sorveglianza di un solo agente”.

Il sindacalista chiede l’intervento del Ministero della Giustizia e del Capo dipartimento amministrazione penitenziaria per cercare di risolvere i gravi problemi strutturali del carcere di Firenze: “Servono uomini e donne, mezzi, strumenti di lavoro e fondi per rimettere in sicurezza un sistema in grave difficoltà”, conclude Angelo Urso.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MyMagazine.news

Informazioni sull'autore

Scroll to Top