Scontri e tensioni alle manifestazioni contro il fascismo e il razzismo

Scontri e tensioni alle manifestazioni contro il fascismo e il razzismo

Oggi, 24 febbraio 2018, in molte città italiane da Nord al Sud sono state organizzate manifestazioni contro il fascismo e il razzismo, contrapposte agli scontri che sono avvenuti ieri a Torino e Pisa. Massima attenzione delle forze dell’ordine per i cortei, in quanto si temono infiltrazioni e tensioni, in particolare nelle città di Roma, Palermo e Milano. Infatti, il Viminale ha mobilitato migliaia di agenti per vigilare sulle manifestazioni.

Scontri e tensioni alla manifestazione di Milano.

Le forze dell’ordine, stamattina a Milano sono intervenute per sgomberare una trentina di studenti che si erano arrampicati sul moumento di piazza Cairoli, con lo striscione contro il comizio di CasaPound, è terminato con qualche contuso. Poi, nel pomeriggio, al corteo antifascista di largo la Foppa a Milano, è nato uno scontro tra manifestanti e forze dell’ordine, dove un gruppo di partecipanti ha tentato di forzare un cordone di polizia, durante il quale la polizia ha messo in atto una carica di alleggerimento, che ha causato alcuni contusi.

Manifestazione dell’Anpi a Roma.

La manifestazione “Mai più fascismi” partita nel primo pomeriggio a Roma,  da Piazza della Repubblica e arrivata a Piazza del Popolo a Roma, organizzato dall’Anpi contro il razzismo e fascismo. Ad aprire la manifestazione uno striscione portato dai segretari della Cgil Susanna Camusso e della Uil Carmelo Barbagallo. Ha preso parte alla manifestazione anche il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, che subito dopo aver accolto con un abbraccio l’arrivo del segretario del PD Matteo Renzi, il premier ha lasciato il retropalco di Piazza del Popolo. Alla manifestazioni presenti anche il ministro dell’Istruzione Valeria Fedeli e il ministro della Difesa Roberta Pinotti e l’onorevole Anna Finocchiaro, responsabile per i rapporti con il Parlamento. Hanno sfilato anche il vicesegretario del Pd Maurizio Martina, la presidente della Camera Laura Boldrini, Nicola Fratoianni, il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, Walter Veltroni, Carlo Smuraglia, Riccardo Magi, Andrea Orlando, il presidente del Senato Pietro Grasso e Pierluigi Bersani.  

Le altre manifestazioni a Roma.

L’altra manifestazione a Roma, è promossa dal sindacato Cobas, per richiedere la cancellazione del Jobs Act, partita da piazza dell’Esquilino, per arrivare alle 19 in piazza Madonna di Loreto. Poi iniziata anche una manifestazione statica in piazza di Porta San Giovanni, promossa da esponenti del movimento No Vax contro l’obbligatorietà vaccinale. Per finire, al Cie di Ponte Galeria è annunciata un’iniziativa promossa da Gruppi Antagonisti contro la normativa vigente in materia di immigrazione.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MyMagazine.news

Informazioni sull'autore

Scroll to Top