Pensioni anticipate 2018: al via l’Ape volontario

Riforma pensioni 2019: le ultime novità su Quota 100 e flessibilità in uscita

Dopo una lunga attesa, finalmente prenderà il via la fase operativa dell’Ape volontario. Oggi il presidente dell’Inps, Tito Boeri, attiverà sul portale dell’ente previdenziale il simulatore on line che consentirà di valutare, numeri alla mano, la convenienza dell’utilizzo dell’Ape volontario per andare in pensione. Marco Leonardi, consigliere economico della Presidenza del Consiglio, ha illustrato le novità del nuovo strumento con un post su Facebook. Leonardi ha precisato che il simulatore dell’Inps calcolerà l’ammontare dell’anticipo pensionistico richiesto ed il costo relativo, che sarà restituito in rate ventennali mediante una trattenuta su ciascun rateo pensionistico, inclusa la tredicesima.

Facendo un esempio, Leonardi considera un lavoratore che ha diritto a percepire una pensione netta di 2000 euro e chiede l’anticipo volontario di di 1600€ al mese per 2 anni, pagando una rata di 227€ al mese per 20 anni. Nel caso lasciasse l’azienda in cui è impiegato, il lavoratore percepirà una pensione di 2076 euro, se la sua azienda paga all’Inps i due anni di contributi rimanenti.

Partenza dell’Ape volontario: la soddisfazione della Cisl.

Il segretario confederale della Cisl, Ignazio Ganga, ha manifestato soddisfazione per l’avvio dell’Ape volontario, frutto del confronto tra Governo e sindacati avviato nel settembre 2016. Per la Cisl l’Ape volontario è un importante strumento per andare in pensione, assieme all’Ape sociale, la misura per i precoci e la Rita.

Il leader sindacale ha sottolineato che non è ancora possibile saper come verrà accolto l’Ape volontario dai lavoratori, essendo una misura di carattere sperimentale, ma che la Cisl spera che l’Inps riesca a gestire in maniera adeguata e rapida tutta la fase operativa.

Ganga ha precisato che il sindacato opererà una stretta vigilanza sul processo. Il leader sindacale ha osservato, inoltre, che la flessibilità in uscita dal mondo del lavoro  deve, in ogni caso diventare strutturale, per rimediare alle criticità nate con l’entrata in vigore della legge Fornero sulle pensioni.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MyMagazine.news

Informazioni sull'autore

Scroll to Top