L’influenza australiana, tutte le novità!

influenza-min

L’influenza di stagione del 2022-2023 – ossia l’influenza australiana, sta creando preoccupazione a causa del velocissimo ritmo con cui si sta diffondendo, sia tra gli adulti che fra i bambini. In effetti si sta diffondendo in tutto il mondo con rapidità in crescita esponenziale e la sua incidenza continua ad aumentare fra tutta la popolazione. A quanto pare ad essere colpite sono soprattutto le persone appartenenti alla fascia di età pediatrica e, in particolare, i bambini con meno di cinque anni di età.

Trasmissione diretta e indiretta!

Come riporta il sito my-personaltrainer.it, il picco dell’influenza 2022-2023 è previsto per gennaio. La trasmissione dell’influenza australiana si verifica per via aerea. La diffusione dei virus che ne sono responsabili, ha luogo dunque attraverso i droplets (goccioline di saliva) emessi mentre si parla, con colpi di tosse o con starnuti, oppure attraverso il muco di individui infetti. Inoltre, dal momento che i virus influenzali possono sopravvivere per un certo periodo di tempo anche al di fuori del corpo umano, la trasmissione può essere anche indiretta, entrando per esempio in contatto con oggetti o superfici infette.

La durata dell’australiana si aggira, generalmente, fra i cinque e i sette giorni. Molte persone manifestano i sintomi per circa tre o quattro giorni, per poi guarire completamente entro una settimana, benché talora la malattia possa protrarsi per periodi più lunghi. Nei bambini, invece, la durata sembra essere maggiore e compresa in un intervallo che va pressapoco dai cinque ai dieci giorni. Oltre a ciò, si segnala che, una volta risolti i sintomi tipici e raggiunta la guarigione, non sono rari i casi in cui per diversi giorni permane una sensazione di stanchezza e debolezza.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MyMagazine.news

Informazioni sull'autore

Scroll to Top